regala Libri Acquaviva

regala Libri Acquaviva
CHARLES BUKOWSKI, Tubinga, MARC CHAGALL, Milano, ALDA MERINI, Grecia, Utopia, ROMANZI, Acquaviva delle Fonti, RACCONTI CONTADINI, America, POESIE, ERNST BLOCH, Sogni, Gatti Pazzi, Spinoza, FEDOR DOSTOEVSKIJ, ITALIA, New York, FEDERICO FELLINI, Poesie di Natale

mercoledì 29 settembre 2010

Stefano Defendi PARADISO poesie Piccola Casa Editrice ACQUAVIVA


Un libro per il Paradiso.
E per l'inferno di non possederlo,
se non per poco.

giovedì 23 settembre 2010

La Piccola Casa Editrice ACQUAVIVA a Belgioioso alla mostra di "Parole nel tempo", 25-26 settembre 2010




Giuseppe D'Ambrosio Angelillo

sarà a Belgioioso (Pavia)

con i suoi libri Acquaviva

alla mostra di "Parole nel Tempo".

.

alle 14.30 di sabato 25 settembre 2010

presenterà il suo ultimo lavoro:

LA POESIA DI ALDA

Sull'Arte e la Tecnica di comporre versi

della grande poetessa italiana ALDA MERINI.

Acquaviva

La Piccola Casa Editrice ACQUAVIVA a Belgioioso alla mostra di "Parole nel tempo",



martedì 14 settembre 2010

LO STUDENTE di d'ambrosio angelillo

Il paradosso dello studente è che la sua anima è protesa al compito ma che questo non è necessario, ma contingente.
Il compito non è necessario nemmeno al professore per ritenersi tale, meno che meno allo studente per elevarsi a sua volta a qualcosa per lui di assolutamente estraneo.
Il professore è un mago che non fa magie a se stesso e nemmeno agli altri e neanche allo studente in quanto non è lui che lo rende tale, ma egli stesso, in quanto studia.
Così lo studente è per sua natura annoiato e triste. Lo studio non prevede il compito ma il solo esercizio dello studio. I risultati se si studia arrivano da soli quasi per necessità di cose.
Si studia per sè e in sè, il compito (come pure l'interrogazione di cui è corollario) è qualcosa di estraneo che non riguarda l'essere dello studente. Tutti gli sforzi reali dello studente sono eslusivamente rivolti a se stesso, e alla propria autorealizzazione.
Ma si va Bene e si va Male. Lo studente lavora su se stesso. Le aspettative rimangono irrisolte. Aspettative vane che esludono la comprensione vera della prospettiva di sè e del futuro. Qui si gioca la questione della libertà. Finchè lo studente non capirà che studia per se stesso fallirà come studente, e riuscirà come mero ripetente. Ripeterà come un pappagallo ciò che ha sentito. Senza arte nè creatività.
Arte e creatività che sono il vero scopo di qualsiasi vera scuola.
Si vuole allora qualcosa che porta al fallimento. Infatti si riesce realmente in molto pochi.
E la scuola dovrebbe invece far riuscire tutti, ognuno nel suo vero e esclusivo compito.
Questa scuola, come si va sviluppando adesso, è di un'impotenza assoluta.
Produce più falliti che genii. E non per questione di destino ma per manifesta incompetenza.
La scuola, ora come ora, è un'ideologia vuota che porta allo scacco perenne della vera personalità dello studente.
Questa scuola, nonostante tutti i tentativi per raddrizzarla, diventa sempre più debole. Tutto la porta a soccombere.
I professori umiliati e fuori ruolo.
Gli studenti, frustrati e tristi.
La società, in caduta libera verso cinismo egoismo e indifferenza.
Il potere, incapace del nuovo perchè tutto centrato su se stesso.
La scuola attuale è la fede in un'autolusinga dell'attuale classe dirigente, spocchiosa e raccomandata, e così interamente anch'essa fallita e impotente.
Lo studente è infelice perchè abbandonato.
Ma gli abbandonati benchè infelici possono vedere all'orizzonte della loro infelicità la grande luce della libertà, vero fondamento di ogni studio e di ogni vero successo.
.
D'Ambrosio Angelillo